Descrizione

Posizione

Cos'è incluso? Più di quanto tu possa immaginare.

Benvenuto personale

Accogliamo tutti gli ospiti di persona direttamente all’appartamento selezionato oppure al The Grand Club situato nel cuore della città

Pulizia quotidiana e cambio biancheria

Pulizia giornaliera, cambio biancheria per assicurarci che rientri in una casa perfettamente pulita

Biancheria e prodotti di lusso

Ogni appartamento è preparato con bianchieria di lusso, prodotti da bagno e asciugamani di pregio

Chiedi ad Alfred 24/7

Staff locale disponibile 24/7 per qualsiasi richiesta

E molto altro

• Tutti nostri appartamenti sono completamente forniti con tutti i comforts, per farti sentire a casa
• Dotazione di wi-fi
Kit colazione a seconda delle vostre richieste
Accesso al The Grand Club - uno spazio dedicato per prenotare le tue esperienze, rilassarsi o lavorare in un’area privata

Personalizza il tuo soggiorno

Trekking e storia a Villa Ada

372.00

Nel cuore della città, Villa Ada è il secondo parco pubblico più grande di Roma. Affascinante e sorprendente, tra resti archeologici e storia antica e recente, straordinariamente ricco di flora e fauna, questo polmone verde sarà lo scenario per passeggiate rigeneranti. Attraversando boschi e sentieri, condurremo i viaggiatori tra resti di antiche civiltà e prove di un passato meno remoto, come il bunker utilizzato dai Savoia durante la Seconda Guerra Mondiale, o alcune misteriose tombe. Perdendosi tra radure e baratri, isolati anche dal segnale satellitare, se si avrà fortuna, si potrà incontrare l’uomo che vive sugli alberi.

Nel cuore della città, Villa Ada è il secondo parco pubblico più grande di Roma. Affascinante e sorprendente, tra resti archeologici e storia antica e recente, straordinariamente ricco di flora e fauna, questo polmone verde sarà lo scenario per passeggiate rigeneranti. Attraversando boschi e sentieri, condurremo i viaggiatori tra resti di antiche civiltà e prove di un passato meno remoto, come il bunker utilizzato dai Savoia durante la Seconda Guerra Mondiale, o alcune misteriose tombe. Perdendosi tra radure e baratri, isolati anche dal segnale satellitare, se si avrà fortuna, si potrà incontrare l’uomo che vive sugli alberi.

Pastry Me

489.00

Si tratta di un corso specializzato nella preparazione del celebre Tiramisù e del Tortino della nonna con cioccolato e pinoli, di cui si seguiranno i vari step dalla cottura fino all’assaggio.

Affidati al team della factory di Cristina Bowerman per fare un’esperienza di didattica enogastronomica italiana con quella che attualmente è considerata in tutto il mondo il Maestro di cucina per eccellenza. Potrai imparare come si preparano i cocktail più famosi, o la pasta, dalla cottura al piatto, oppure il gelato, o i dolci, fino alla mitica pizza. 

Si tratta di un corso specializzato nella preparazione del celebre Tiramisù e del Tortino della nonna con cioccolato e pinoli, di cui si seguiranno i vari step dalla cottura fino all’assaggio.

Affidati al team della factory di Cristina Bowerman per fare un’esperienza di didattica enogastronomica italiana con quella che attualmente è considerata in tutto il mondo il Maestro di cucina per eccellenza. Potrai imparare come si preparano i cocktail più famosi, o la pasta, dalla cottura al piatto, oppure il gelato, o i dolci, fino alla mitica pizza. 

Il razionalismo urbano dell’Eur

464.00

“Eur”, il suo nome è l’acronimo di Esposizione Universale Europea. E non è un caso, perché il quartiere è stato creato proprio per ospitare l’evento omonimo nel 1942. Progettato nel 1935, verrà ultimato solo 15 anni dopo, a guerra finita. Dominato dal razionalismo urbano e dall’architettura che richiama chiaramente lo stile del periodo romano di epoca classica, tipico del periodo fascista, l’Eur ha ritrovato negli ultimi anni una nuova stagione di splendore, grazie anche a interventi architettonici di elevato valore come la Nuvola dell’architetto Massimiliano Fuksas. La passeggiata terminerà con la visita del mercatino rionale domenicale, delizioso coacervo di anticaglie e antiquariato.

“Eur”, il suo nome è l’acronimo di Esposizione Universale Europea. E non è un caso, perché il quartiere è stato creato proprio per ospitare l’evento omonimo nel 1942. Progettato nel 1935, verrà ultimato solo 15 anni dopo, a guerra finita. Dominato dal razionalismo urbano e dall’architettura che richiama chiaramente lo stile del periodo romano di epoca classica, tipico del periodo fascista, l’Eur ha ritrovato negli ultimi anni una nuova stagione di splendore, grazie anche a interventi architettonici di elevato valore come la Nuvola dell’architetto Massimiliano Fuksas. La passeggiata terminerà con la visita del mercatino rionale domenicale, delizioso coacervo di anticaglie e antiquariato.

Col permesso speciale alla farmacia del Papa

550.00

Un gradino alla volta, immaginate di salire al primo piano di un antico convento. Alla fine della scala lì ad aspettarvi, tra antiche ampolle, setacci e pozioni, un miscuglio sorprendente di remoti saperi, credenze alchemiche e religiosità: è l’Antica Farmacia di Santa Maria della Scala, all’interno della chiesa di Santa Maria della Scala a Trastevere, nel convento dei frati Carmelitani Scalzi. Istituita nella seconda metà del XVI secolo e aperta al pubblico dal Seicento, diventò il riferimento per cardinali, principi, medici dei pontefici, tanto da avvalersi dell’appellativo di Farmacia dei Papi.

Un gradino alla volta, immaginate di salire al primo piano di un antico convento. Alla fine della scala lì ad aspettarvi, tra antiche ampolle, setacci e pozioni, un miscuglio sorprendente di remoti saperi, credenze alchemiche e religiosità: è l’Antica Farmacia di Santa Maria della Scala, all’interno della chiesa di Santa Maria della Scala a Trastevere, nel convento dei frati Carmelitani Scalzi. Istituita nella seconda metà del XVI secolo e aperta al pubblico dal Seicento, diventò il riferimento per cardinali, principi, medici dei pontefici, tanto da avvalersi dell’appellativo di Farmacia dei Papi.

Dagli anni ’20 ai murales con una poetessa

464.00

La prima pietra di una delle borgate romane più famose alle porte di Roma, la Garbatella detta “La Rossa”, venne posta dal re Vittorio Emanuele III negli anni ’20 del secolo scorso. Presto abitata dagli sfollati dei quartieri medievali, sfrattati dal centro per costruire Via dei Fori Imperiali, ancora oggi mantiene il suo carattere popolare. La Garbatella si trova a ridosso di Tor Marancia, altro quartiere popolare che negli ultimi anni è andato incontro a una sorprendente rivalutazione grazie alle straordinarie opere di street art di artisti provenienti da ogni parte del mondo. Due quartieri che vi faranno conoscere, tra arte contemporanea a cielo aperto, ristoranti tipici e prelibatezze locali, angoli straordinariamente pittoreschi tra i meno battuti di questa poliedrica città.

La prima pietra di una delle borgate romane più famose alle porte di Roma, la Garbatella detta “La Rossa”, venne posta dal re Vittorio Emanuele III negli anni ’20 del secolo scorso. Presto abitata dagli sfollati dei quartieri medievali, sfrattati dal centro per costruire Via dei Fori Imperiali, ancora oggi mantiene il suo carattere popolare. La Garbatella si trova a ridosso di Tor Marancia, altro quartiere popolare che negli ultimi anni è andato incontro a una sorprendente rivalutazione grazie alle straordinarie opere di street art di artisti provenienti da ogni parte del mondo. Due quartieri che vi faranno conoscere, tra arte contemporanea a cielo aperto, ristoranti tipici e prelibatezze locali, angoli straordinariamente pittoreschi tra i meno battuti di questa poliedrica città.

The Grand Emperor Suite -Close to home by the Master of the keys

431.00

Oratorio di San Carlo al Corso

Palazzo Ruspoli

Palazzo Rondinini

Meridiana di Augusto

Loggia del Primaticcio, Palazzo Firenze


Gli imperatori vedono una terra che è da plasmare, secondo l’immagine di un mondo ideale o, almeno, che sia copia delle linee della propria mano. Nella gloria dei Borromeo, nelle luci colorate e negli ori, il piccolo cuore di San Carlo batte il tempo del Sole, tracciato dietro una porta, sotto terra dalla grande meridiana di Augusto, che riprenderà il suo tempo quando la luce tornerà a coprirla. Attende, come Palazzo Rondinini la Pietà di Michelangelo che ha perso. Come i Ruspoli, l’anima del Principe Dado e come Palazzo Firenze che attende sotto le volte di Prospero Fontana e aprendo per lui il giardino segreto, il Granduca.


Prezzo del biglietto non incluso


Oratorio di San Carlo al Corso

Palazzo Ruspoli

Palazzo Rondinini

Meridiana di Augusto

Loggia del Primaticcio, Palazzo Firenze


Gli imperatori vedono una terra che è da plasmare, secondo l’immagine di un mondo ideale o, almeno, che sia copia delle linee della propria mano. Nella gloria dei Borromeo, nelle luci colorate e negli ori, il piccolo cuore di San Carlo batte il tempo del Sole, tracciato dietro una porta, sotto terra dalla grande meridiana di Augusto, che riprenderà il suo tempo quando la luce tornerà a coprirla. Attende, come Palazzo Rondinini la Pietà di Michelangelo che ha perso. Come i Ruspoli, l’anima del Principe Dado e come Palazzo Firenze che attende sotto le volte di Prospero Fontana e aprendo per lui il giardino segreto, il Granduca.


Prezzo del biglietto non incluso


Centrale Montemartini

Prezzo su richiesta

Molto emozionante l’accostamento di statue e busti coi congegni tecnologici del primo stabilimento pubblico di Roma per la produzione dell’energia elettrica. Terminata la sua funzione originaria agli inizi degli anni ’60 del ‘900, la centrale, nel 1997, accolse un nucleo di sculture dai Musei Capitolini. Sarebbe dovuto essere un fatto temporaneo. Invece, l’esposizione diventò permanente. Uno straordinario esempio di riconversione museale, un pastiche visuale e di linguaggi apparentemente diversi che creano un effetto perturbante molto suggestivo.

Molto emozionante l’accostamento di statue e busti coi congegni tecnologici del primo stabilimento pubblico di Roma per la produzione dell’energia elettrica. Terminata la sua funzione originaria agli inizi degli anni ’60 del ‘900, la centrale, nel 1997, accolse un nucleo di sculture dai Musei Capitolini. Sarebbe dovuto essere un fatto temporaneo. Invece, l’esposizione diventò permanente. Uno straordinario esempio di riconversione museale, un pastiche visuale e di linguaggi apparentemente diversi che creano un effetto perturbante molto suggestivo.

Alla home gallery nel palazzo Bennicelli

427.00

Un’ora senza fiato. La casa della collezionista e mecenate Ines Musumeci Greco, aperta solo per voi, non è una casa qualunque ma da vent’anni il salotto d’artista più importante d’Italia dove si incontra l’intellighenzia italiana e internazionale. Nella sua home gallery, dentro il seicentesco Palazzo Bennicelli, potrete ammirare le opere di artisti del calibro di Marina Abramovic, Mario Schifano, Alighiero Boetti, Pascale Marthine Tayou, Chen Zhen, e altri. Accompagnati dalla collezionista stessa, farete un percorso emotivo, oltre che artistico, alla scoperta delle innervature del bello che irrorano le opere, tra aneddoti ed episodi sugli artisti della casa.

Un’ora senza fiato. La casa della collezionista e mecenate Ines Musumeci Greco, aperta solo per voi, non è una casa qualunque ma da vent’anni il salotto d’artista più importante d’Italia dove si incontra l’intellighenzia italiana e internazionale. Nella sua home gallery, dentro il seicentesco Palazzo Bennicelli, potrete ammirare le opere di artisti del calibro di Marina Abramovic, Mario Schifano, Alighiero Boetti, Pascale Marthine Tayou, Chen Zhen, e altri. Accompagnati dalla collezionista stessa, farete un percorso emotivo, oltre che artistico, alla scoperta delle innervature del bello che irrorano le opere, tra aneddoti ed episodi sugli artisti della casa.

Hai dubbi? Contattaci!

Lasciaci la tua mail e ti ricontatteremo non appena possibile.

La tua richiesta è stata inviata con successo!
Si è verificato un errore. Riprova.